lunedì 18 aprile 2016

L'ecologista in SUV

Mi mancava francamente. 

Il lunedì dopo il referendum leggere insulti su FB diretti a chi non ha votato, degni di una curva calcistica. Forse anche di più.
Da dove partire? Dal fatto che in una democrazia vince la maggioranza? ed essere l'85% del 30% non fa maggioranza? Ci si senti democratici solo quando si è 51%?

Dal fatto che chi non la pensa come te non è un criminale nazista che è appena uscito madido di sangue da Marzabotto?

Ci sono stati molti referendum nella mia vita elettorale e credo di essere andato a tutti, tranne questo. Ma non voglio entrare nel merito della questione che è di un tecnicismo esasperato e io francamente non mi sento in grado di esprime un giudizio. Ritengo sia stato un errore usare lo strumento referendario per questa materia. 


Mi congratulo invece con quelle tante persone che hanno delle certezze assolute. Sostenitori del Sì e del No, con argomenti gettati come clave. 


Ho apprezzato coloro che conosco che votavano Sì e che pur sapendo che non mi sarei recato alle urne non mi hanno dato del genocida dei mari. Queste sono quelle che rispetto perchè hanno una idea diversa dalla mia, ma serenamente. 
Non sono testimoni di Geova di una verità rivelata solo a loro. 

E poi ci sono i "democratici" che ritengono che chi non la pensa come loro vada alla gogna. 

Quelli che magari su referendum un pò meno tecnici e un pò più di impatto sulla vita di tutti i giorni, tipo quello sulla procreazione assistita, non sono nemmeno andati a votare. Eh sì perchè a loro che fregava di una legge che solo anni dopo la consulta ha riconosciuto a più riprese fortemente anticostituzionale, lesiva dei diritti delle persone, e che ha costretto migliaia di coppie ad andare all'estero o a rinunciare?

Questi oggi sono gli ecologisti in SUV, quelli che non rinunciano al macchinone che, se non lo sapete, va a combustible fossile, coloro che non spengono mai l'aria condizionata, che hanno ipad, iphone, desktop, portatile, playstation e magari stanno facendo un pensierino ad uno smartwatch. Lo sapevate che consumano corrente? 
Serve energia! 
E se pensavate di votare per l'abolizione dei combustibili fossili, beh lodevole e condivisibile intento ma non era questa la domanda. E a voi per inciso non conviene...

PS: Un pensierino infine per i non conoscitori dell'Italicum, su cui saremo chiamati a votare in autunno. Dentro c'è la riforma del quorum dei referendum che non è più il 50% degli aventi diritto ma la metà di quelli delle ultime politiche. In questo caso il quorum sarebbe stato del 37.5%, dunque molto più facilmente raggiungibile. 



Nessun commento:

Posta un commento